mercoledì 1 novembre 2017

Dolores Claiborne

Dolores Claiborne, di Stephen King.

Credo che Stephen King stia tornando ad essere una presenza costante delle mia vita da lettrice.

Dolores Clairborne è una anziana rompiscatole yankee che adesso si trova a doversi discolpare, davanti alla polizia, per la fine misteriosa di Vera Donovan, la ricca invalida di cui era la governante. Ma a Little Tall Island molti si chiedono ancora cosa sia realmente successo in quel giorno spettrale di trent'anni prima - che coincise con un'eclissi totale - in cui morì suo marito. Per difendersi, Dolores si lancia in un racconto trascinante, un avvincente monologo in cui ripercorre la sua tormentata e terribile esistenza.

Da ragazzina ho sempre evitato questo libro: non prometteva mostri o creature sovrannaturali, e a quattordici-quindici anni poche cose mi attiravano meno che il racconto di una vecchia. Dopo averlo letto posso dire di aver fatto bene: non credo proprio che a quell'età sarei stata capace di apprezzare Dolores Claiborne come merita.
Perchè questo libro l'ho trovato bellissimo, e per me è allo stesso livello di opere di King quali IT o L'ombra dello scorpione.
La prima cosa di cui devo parlare è lo stile: come dice la quarta di copertina, si tratta di un lungo monologo: noi sentiamo solo la voce di Dolores, anche quando le vengono fatte delle domande o viene interrotta, noi abbiamo solo le sue risposte. La cosa non interferisce nel piacere della lettura, è solo leggermente strano all'inizio ma tempo due pagine e ci si abitua benissimo.
Per quanto riguarda il resto, questo è un libro dove non riesco a trovare difetti: suppongo che ne abbia perché non credo nella perfezione, ma ora come ora non me ne viene in mente nemmeno uno. Dolores è una narratrice formidabile, una donna forte, complessa nella sua semplicità: la sua vita rientra nella categoria "terribile, resa ancora più terribile dal fatto di essere normale" (<- parafrasando una frase di Terry Pratchett, perché quell'uomo era un genio e sono riuscita a nominarlo in una recensione di King, capite il mio amore). Sposata ad un uomo violento con problemi legati al bere e con tre figli a cui assicurare un futuro più roseo, la nostra protagonista è una donna che si è spaccata la schiena per fare le cose migliori, le più giuste, consapevole che per ogni scelta c'è un prezzo da pagare che - a volte - viene pagato degli innocenti.
Il suo matrimonio con Joe, che non viene reso migliore dalla mancanza di abusi fisici; il rapporto complicato coi figli, a cui non riesce a dedicare abbastanza tempo per via del lavoro; gli errori che non si possono rimediare; il rapporto di amore-odio, rispetto-disprezzo con Vera Donovan sono il cuore pulsante del libro: è quasi impossibile credere che Dolores non esista, che nessuno dei personaggi qui presenti sia una persona reale, tale è la forza trascinante di questo racconto.
Un altro punto a favore è che nonostante la storia sia narrata in prima persona, e quindi ci sia solo il punto di vista - e la versione - di Dolores... ecco, nonostante questo ogni personaggio è tratteggiato a tutto tondo. King è così bravo da aver mantenuto l'ambiguità a prescindere dallo stile scelto.
Ma l'horror? Allora, più che spaventoso questo libro è angosciante e inquietante: ci sono cose che potrebbero essere paranormali, ma più per la mano che ha tenuto la penna che per le implicazioni della trama,: in fin dei conti Stephen King può piacere o non piacere, ma non si può dire che non sappia creare inquietudine oltre che terrore, soprattutto se può giocare con elementi come una eclissi totale di sole e i deliri di un'anziana malata con gravi problemi cognitivi.
La tensione è costruita ad arte: sappiamo cosa succederà, quale sarà il climax (è la stessa Dolores a dirlo nelle prime pagine), ma non sappiamo come e perché, né quale sia stato il coinvolgimento di Vera. Tutto in noi si protende verso quel momento, e quando arriva è impossibile distogliere lo sguardo. Seriamente, questo è stato un libro che mi sono portata a tavola da quanto mi aveva presa.
L'ultima volta credo di averlo fatto a dodici anni.

Sinceramente non credo di riuscire a scrivere altro, e non posso consigliarvi abbastanza di leggerlo.
Però a chi l'ha letto posso mostrare la cover meno adatta di sempre: non le abbiamo solo noi a quanto pare.

6 commenti:

  1. Letto tanti tanti anni fa, quando non avevo l'età.
    E l'ho amato molto, nonostante i pochi ricordi.
    Bello e sottovalutato anche il film, L'ultima eclissi. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film l'ho inserito nell'infinita lista di cose da vedere. Sono abbastanza fiduciosa: a occhio direi che è uno di quelli che si presta meglio ad una trasposizione cinematografica, e la Bates ce la vedo benissimo nei panni di Dolores :)

      Elimina
  2. Sono felice che ti abbia preso tanto, Kate! ^_____^
    Anch'io l'ho adorato (questo e "Il gioco di Gerald", che per più di un motivo fanno coppia fissa nella mia testa - e credo anche in quella di King), in parte proprio per via del modo in cui è scritto, un lunghissimo e indimenticabile monologo...
    Oddio, fra la copertina con la spilungona avvolta nel vestito rosso e quella con la bambina sperduta al cimitero, non si sa davvero cosa potrebbe esser peggio ahaha! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho immaginato che l'eclissi di Dolores fosse la stessa di Jessie, però la voglia di leggere Il gioco di Gerald continua ad essere zero spaccato dopo aver visto l'ottimo film.
      A volte ci sono delle copertine allucinanti. Non ho visto quella con la bambina, ma la tizia vestita di rosso sembra una strega che sta evocando Satana più che Dolores XD

      Elimina
  3. Non sapevo neanche dell'esistenza di questo libro, non è tra quelli nominati solitamente. Però, dopo la tua recensione, vorrei leggerlo, anche perché ho una predilezione per i libri inquietanti, e non prettamente horror, e poi adoro la narrazione in prima persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non ne rimarresti delusa :D

      Elimina